news

Montefiore dell’Aso, 10 dicembre 2011 - 1 maggio 2012    

ADOLFO DE CAROLIS XILOGRAFO

­La mostra Adolfo De Carolis xilografo nasce grazie alla proficua collaborazione instaurata tra il Comune di Montefiore dell’Aso e quello di Carpi. Nella terra del maestro incisore Ugo Da Carpi ha sede infatti la prestigiosa biennale di xilografiche dedica la sua XV edizione ad Adolfo De Carolis. Dedicare la biennale all’artista piceno, in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ha avuto l’obiettivo di aprire una riflessione su alcuni aspetti di un momento artistico e culturale in senso più lato, che sono frutto di un fervore di iniziative di rilettura e riscoperta della storia artistica del paese. La collaborazione intrapresa tra i due comuni ha permesso l’organizzazione di un articolato programma di iniziative che si è aperto lo scorso 9 aprile a Carpi con l’inaugurazione della mostra e si concluderà a Montefiore dell’Aso sabato 10 dicembre con l’apertura dell’esposizione Adolfo De Carolis xilografo aperta fino al 1 maggio 2012.

Per Montefiore dell’Aso l’evento ha l’obiettivo di proseguire il percorso di valorizzazione del Maestro nell’arte incisoria. La ripresa dell’incisione xilografica e a chiaroscuro tradizionale, l’attenzione e l’importanza data al ruolo dell’illustrazione libraria, le relazioni dell’artista con figure chiave della cultura di questi anni (D’Annunzio, Pascoli, Treves, Romagnoli, ecc.) rimandano alle caratteristiche che hanno percorso il progetto scientifico delle biennali carpigiane, nelle quali si è ricercato e studiato nella produzione degli artisti del Novecento una carica di innovazione – oltre che tecnica – di funzione culturale ed espressiva. Accanto alle numerose opere esposte a Carpi sarà possibile ammirare per la prima volta l’importante donazione effettuata dagli eredi di Donella De Carolis (prima figlia del maestro) al Polo Museale di San Francesco e alla Comunità di Montefiore dell’Aso il 19 marzo 2011. La donazione, che apre un nuovo capitolo per lo studio dell’opera del maestro, è composta da 128 legni, disegni su carta, una scatola con foto grandi delle opere dell’artista e cartoline ed una tavolozza da pittore. La raccolta di legni è sicuramente un elemento di pregio, proprio in relazione all’importanza che De Carolis diede alla tecnica xilografica e alla sua rinascita artistica nel XIX secolo.

Orari di apertura della mostra:

dal 10 al 22 dicembre 2011 e dal 7 gennaio al 12 febbraio 2012

sabato, domenica e festivi ore 10.00-13.00 - 15.30/18.30

dal 23 dicembre al 6 gennaio 2012

martedì, mercoledì, giovedi, venerdì ore 15.30/18.30

sabato, domenica e festivi ore 10.00-13.00 - 15.30/18.30

Biglietto mostra (comprende l’ingresso al Polo Museale)

Intero 4,00 Ridotto 2,50

Prenotazioni, visite guidate, appuntamenti speciali per scuole e gruppi: 0734.938743

APPUNTAMENTI ADOLDO DE CAROLIS XILOGRAFO

Sabato 10 dicembre 2011 ore 16.30 Museo Adolfo De Carolis

Inaugurazione mostra

Venerdì 6 gennaio 2012 ore 16.30Sala proiezioni – Polo Museale San Francesco

“…i suoi occhi sognatori si accendono…” A cura di Tiziana Maffei e Lucilio Santoni

Sabato 28 gennaio 2012 ore 16.30 Sala proiezioni – Polo Museale San Francesco

“Alla ricerca delle antiche sorgenti: De Carolis ed il recupero tre-quattrocentesco fra pittura e xilografia” A cura di Matteo Piccioni

Sabato 11 febbraio 2012 ore 9.30 Museo Adolfo De Carolis

“… io ho quel che ho donato…Un collezionismo illuminato: il patrimonio privato al servizio della comunità”

Dal 27 dicembre al 10 febbraio 2012

“Museo aperto per lavori” Cantiere di restauro per le matrici originarie di Adolfo De Carolis Laboratorio in collaborazione con Artè Restauro di Milko Morichetti

Elenco Newsmostra l'elenco delle news.
MuseiPiceni