I Musei -> Ripatransone -> Museo Civico Bonomi Gera -> Gipsoteca Uno Gera -> Visita virtuale

Gipsoteca Uno Gera - Sala I (Gipsoteca Uno-Gera)

Sala I - Gipsoteca Uno-Gera
(Palazzo Bonomi-Gera - Primo piano)

Uno Gera nacque il 4 giugno 1890 a Ripatransone, dove morì il 30 gennaio 1982.

Compì gli studi classici e di giurisprudenza a Roma, dove, negli anni universitari, sentendosi portato verso la scultura, frequentò lo studio di Arturo Dazzi (Carrara, 1881 – Pisa, 1966). Ed ancora molto giovane espose in mostre cittadine (Roma), Regionali e nazionali; prese parte a sei concorsi per la realizzazione di monumenti ai caduti, vincendone cinque: a Montefiascone ed Acquapendente (Provincia di Viterbo), a Subiaco e Sant’Oreste (Provincia di Roma), a Montemarciano (Provincia di Ancona).

 

Compiuti gli studi giuridici, si classificò primo in un concorso bandito dalla Corte dei Conti; entrato in quella magistratura, con una rapida e brillante carriera raggiunse uno dei vertici della Corte (presidente di sezione).

Nonostante i pubblici impegni (negli anni 1960-65 fu anche sindaco di Ripatransone), continuò l’attività di artista nel suo studio romano, dedicandosi soprattutto alla ritrattistica ed ai soggetti sacri. Ed ha lavorato fino a pochi anni prima della scomparsa, con un ritmo intenso ed usando quasi tutte le tecniche dell’arte plastica ed ogni tipo di materiale idoneo.

 

Espressività e classicità caratterizzano le sue sculture, custodite soprattutto nel Lazio e nelle Marche. A Roma sue opere si trovano alla Corte dei Conti, al Palazzo di Giustizia, nella Basilica di Sant’Agnese sulla Nomentana, al Verano; a Ripatransone, nella tomba di famiglia, nella chiesa monumentale di San Filippo, nell’ ”Oasi Fraterna Paola Gera”, nel Monastero delle Domenicane, nella Pinacoteca Civica (il cui patrimonio negli anni 1972-77 si è più che raddoppiato con la donazione di tutte le sue collezioni), dove nel 1976 allestì la sezione della Gipsoteca (unica nelle Marche), cedendo oltre cento suoi gessi, che “coprono” gli oltre cinquant’anni di produzione artistica.


Mostra l'elenco completo dei reperti presenti in questa sala (103)

MuseiPiceni