I Musei -> Offida -> Palazzo De Castellotti -> Museo Merletto a Tombolo -> Visita virtuale

Museo del Merletto a tombolo - Sala IV (Applicazioni del merletto)

Sala IV - Applicazioni del merletto
(Palazzo De Castellotti - Primo piano)

Il merletto a fuselli è meno rigido ma più solido del merletto ad ago, è più semplice ma contemporaneamente più geniale nel ricercare soluzioni nuove con i suoi intrecci a fili continui e non, che formano decori a nastrini ondulanti a punto tela, legati tra loro da treccine che costituiscono il fondo del lavoro.

Nato come naturale derivazione del ricamo, il merletto è collocabile tra le cosiddette "arti minori", all'interno delle quali ha trovato una propria autonomia espressiva rintracciabile in una editoria specializzata che dalla fine del 500 fino a tutto il 600 ha pubblicato in Italia, Francia e Germania numerosi repertori di modelli "guida" per il mercato dell'epoca. Tante sono le testimonianze di questa editoria, pur mancando riferimenti non mediati dal resto delle altre arti tessili e decorative.

È la natura stessa della produzione del merletto che la fa sfuggire al controllo della stampa ufficiale: questa si sviluppa attraverso un mercato anonimo, per quello che riguarda le merlettaie, con grandi riserve a diffondere i segreti del mestiere gelosamente custoditi.

Sia i disegni che le tendenze delle mode sono interpretate con propri linguaggi, dettati nel corso del tempo da motivi di gusto e da esigenze economiche.
Gli studi e le analisi che sempre più numerosi si stanno compiendo sui merletti, cercano di cogliere proprio questo intreccio tra privato e sociale.
Le collezioni museali si arricchiscono di merletti e di campionature attraverso i quali si studiano i mutamenti di costume, testimonianza di cambiamenti sociali e politici delle varie epoche storiche.

La moda, con tutti i suoi accessori, di cui i merletti sono una componente determinante, ci offre grandi occasioni di conoscenza.

In questa sala sono esposti numerosi "pezzi" a riprova della versatilità del merletto a tombolo per oggetti di varia natura: ventagli, guanti, scarpe... In esposizione, tra gli altri, il vestito (caratterizzato da frange costituite da fuselli in avorio) realizzato nel 1997 per la sfilata di Londra dello stilista Bernardi, ed indossato per l'occasione da Naomi Campbell.


Bavaglino
Camicia da notte
Cuffietta
Tomaia per zoccolo

Mostra l'elenco completo dei reperti presenti in questa sala (12)

MuseiPiceni