I Musei -> Offida -> Palazzo De Castellotti -> Museo Merletto a Tombolo -> Visita virtuale

Museo del Merletto a tombolo - Sala III (La camera da letto)

Sala III - La camera da letto
(Palazzo De Castellotti - Primo piano)

Cucire e ricamare sono pratiche oggi riservate a poche appassionate ma che per un lungo tempo hanno rappresentato l'universo e l'educazione femminile.
Le donne appartenenti a qualsiasi ceto sociale cominciavano ad applicarsi a questa arte sin da bambine, dapprima in casa e poi nei conventi o negli istituti religiosi dove si perfezionavano nella tecnica oltre che ricevere educazione ed istruzione attraverso l'attività delle mani.
Si ricamavano brani della Bibbia, proverbi, poesie, e si potenziavano le personali doti di precisione e pazienza, qualità indispensabili per diventare "donne oneste e di sani principi".
Le fanciulle delle classi più modeste frequentavano gli istituti religiosi e qui lavoravano con fervore, poiché imparare a ricamare bene era, per molte di loro, l'unico modo per procurarsi una dote ed assicurarsi un mestiere redditizio.

Nel corredo, componente della dote, si riversavano tutte le capacità acquisite, le speranze, le attese. Corredi finemente ricamati, asciugamani, tovagliati, camicie da notte e da giorno, fazzoletti, copriletto e lenzuola ornate di merletto, venivano commissionati ai conventi dalle fanciulle di famiglia più ricca ma anche ricamati in famiglia nelle case più modeste.

In ambiente rurale si coltivavano lino e canapa necessari per ottenere i filati.

I capi di biancheria destinati alla camera da letto che accompagnavano i momenti più intimi di una donna, erano così importanti che negli atti notarili dei contratti matrimoniali (1800) non solo venivano enumerati gli oggetti portati in dote ma venivano anche descritti nei dettagli, rappresentando tali oggetti il proprio stato sociale.

Il pezzo più importante del corredo nuziale era il lenzuolo. Per la sua realizzazione venivano scelti i lini più sottili, eseguiti i ricami più eleganti e inseriti i merletti più preziosi lavorati sia come tramezzo per unire due margini di tessuto che come bordo per ricadere morbido dal manufatto sul quale era applicato.

In questa sala si è ricreato l'ambiente di una camera da letto con l'esposizione degli oggetti più importanti del corredo.


Camicia da notte
Coppia di asciugamani
Copriletto

Mostra l'elenco completo dei reperti presenti in questa sala (5)

MuseiPiceni